Comunicare below the line. Università La Sapienza di Roma


21 Apr
21Apr

Reason Why. C'era una volta il biglietto da visita, il Carosello e le grandi esposizioni universali. Situazioni di contatto, d'incontro e di discussione. Oggi il terreno della comunicazione è sempre  più complicato e sovrappopolato da tecniche persuasive contraddistinte da una crescente complessità. La pubblicità dalla fine dell'800 ha avuto una crescita esponenziale. La nascita della tv e in particolare della televisione commerciale fino alla creazione dei "new media", ha favorito nuove "situazioni per comunicare". Gli investimenti televisivi però, diventano sempre meno favorevoli: minor autorevolezza del mezzo, affollamento pubblicitario massiccio, necessità di un numero elevato di passaggi per uscire dalla"massa". Allora quali sono, i nuovi territori da esplorare per creare comunicazione e ricordo senza eccedere nell'eccessiva spesa? La risposta è la "pubblicità tramite oggetto", ovvero la comunicazione below the line. La comunicazione tramite oggetto è una tecnica pubblicitaria che mira a fidelizzare il cliente assicurando la presenza del vostro marchio e del vostro messaggio sulle scrivanie dei vostri bersagli con oggetti utili e divertenti, che prenderanno il posto del banale e spesso troppo effimero biglietto da visita. L'impiego di comunicazioni "below the line" sta assumendo una grande rilevanza dovuta al continuo affollamento pubblicitario sui media considerati "classici". Optare sui supporti di below-the-line advertising, come la realizzazione di eventi nei punti vendita correlati da oggetti creati ad Hoc, consente di orientare i messaggi promozionali su target definiti sfruttando canali e veicoli che permettono minori costi d'accesso, maggiore flessibilità e aumento della brand awareness. Il "gadget", comunemente chiamato, rientra indubbiamente in questo ambito di comunicazione, molto utile per fornire e stimolare il ricordo nella persona che lo riceve. Saper strutturare una buona campagna di comunicazione below the line può essere una mossa vincente per l'azienda che, attraverso queste azioni può farsi conoscere ed apprezzare dal pubblico esulando dalle classiche campagne stampa o TV, che spesso non vengono viste o ricordate dal possibile cliente, divenendo solo una ingente spesa inutile. Case History Quando la promozione diventa "accademica" Il caso di Cipi e La Sapienza Merchandesign. Ispirate alle grandi università americane e inglesi anche gli atenei italiani muovono i primi passi verso il merchandising. Segno di distinzione e appartenenza, il logo dell'Ateneo diventa status e corredo da sfoggiare. È il caso di Cipi e La Sapienza di Roma che hanno fatto partire un importante progetto che prevede la commercializzazione interna di oggetti con il prestigioso logo dell'Ateneo ridisegnato per l'occasione. Sapienza Merchandesing è stato pensato per sottolineare il senso di appartenenza alla comunità universitaria di studenti, docenti e personale, attraverso prodotti capaci di veicolarne il nome, i valori e le tradizioni. La proposta comprende una linea di prodotti personalizzati e organizzati in 3 collezioni: Urban Student's Collection, On Demand Collection e Big's Collection (attiva a breve). Cipi è stata scelta dell'ateneo come player fondamentale per la buona riuscita del progetto di fullfillment che risulta particolarmente complesso dalla scelta degli articoli da inserire in collezione, alla produzione fino alla logistica. In tutte queste fasi Cipi e La Sapienza di Roma, in particolare col dipartimento di design "ITACA" hanno collaborato per il raggiungimento di un risultato che dalle prime battute si può considerare ottimo sia come ritorno di immagine che come interesse da parte degli attori fondamentali chiamati a decretare il successo delle operazioni: il popolo dell'Ateneo. La collezione è visibile nella sezione Merchandising sul sito dell'università. www.merchandising.uniroma1.it Consulta il catalogo on-line di Cipi su www.cipishop.it

di Lorenzo D'Isita

http://www.comunicazioneitaliana.it/home/notizie/3721-comunicare-below-the-line?option=com_content&Itemid=57


Comments
* The email will not be published on the website.